23 agosto 2017

RIO NELL’ELBA, QUELLO CHE DE SANTI NON DICE: “Nel 2017 il debito è di soli 150.000,00 euro, spalmabili in tre anni”

ilVicinato@ - «La pronuncia della Corte dei conti sul disavanzo 2014 del comune di Rio nell’Elba è di 2.500.000,00 euro. Ma il risanamento dei conti,  richiesto dalla Corte, è già avvenuto con il rendiconto 2015 che segnala un deficit calato a 962.000,00 euro. Mentre, con il pre-consuntivo 2016, si scende a 150.000,00 euro, così come risulta nel bilancio preventivo 2017. Quindi  nel triennio 2017/18/19 è previsto un risanamento pari a 50.000,00 euro/anno. Questi atti sono stati approvati dal sindaco De Santi e dalla sua maggioranza, in una recente seduta del Consiglio comunale. Insomma, se ha ragione il consigliere Coluccia (autore di queste notizie), Rio nell’Elba porterà in dote al  neonato comune di Rio un debito di soli 100.000,00 euro (2018/19)».

PORTOFERRAIO, GIOVEDÌ 24 AGOSTO: “Si celebrano Le Feriae Augusti”

ilVicinato@ - «Proseguono nel mese di agosto gli appuntamenti nell’Area archeologica e culturale della Linguella di Portoferraio. Giovedì 24 agosto alle 21.30 le “Feriae Augusti”, una rievocazione storica dei riti e delle cerimonie che si svolgevano in epoca romana durante il mese di Ferragosto, caratterizzato da un lungo periodo di riposo dedicato all’imperatore Augusto. Nel corso della serata anche i “Vinalia rustica”, una delle principali feste dedicate al vino che sanciva l’inizio delle vendemmia, con la degustazione di “Hermia”, vino bianco prodotto dall’Azienda Agricola Arrighi all’interno di giare di terracotta secondo il metodo di vinificazione di epoca romana». L'ingresso al Museo con rievocazione e degustazione costa 5,00 euro.

22 agosto 2017

L’ISOLA D’ELBA È ANCHE QUESTA:

Rio Marina: "La Fontana dei Giardinetti"
 Foto di  Lorenzo Marchetti
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA

RIO MARINA, L’ELBA DEL VICINO: “APPUNTAMENTO MERCOLEDÌ 23 AGOSTO NELLE SCALINATE DELLA PERGOLA”

ilVicinato@ - «I Licaoni, ospiti a Rio Marina dal 17 al 24 agosto, presenteranno il loro progetto finale la sera di mercoledì 23 agosto nelle scalinate della Pergola.  I Licaoni, sin dal 1999, realizzano video ad alto impatto visivo di matrice cinematografica in forma di lungometraggi, cortometraggi, web series e pilot, videoclip e format. Il loro lavoro più premiato rimane la web serie “Elba. L’Eredità di Napoleone”, primo esempio in Italia di web serie di promozione territoriale e vincitrice di numeri premi in festival nazionali e internazionali tra cui Roma, Los Angeles, Melbourne, Berlino. I Licaoni, nella settimana di residenza a Rio Marina, hanno sviluppato il progetto “P.O.V.”, cioè la realizzazione di un mini-documentario sull’Elba che ha coinvolto tre persone di età differenti (un bambino, un adulto, un anziano) prese in una giornata d’estate con i loro tre sguardi sull’Isola d’Elba».

STATUTA RIVI (sec. XIII): “Un cassone di noce con tre chiavi custodito nella Chiesa di Rio per conservare i libri e le altre scritture”

umbertocanovaro@ - Rubrica XXIV: “Del'imborsatione et Offitio del Anziani di Rio” (7a parte). Nelle scorse settimane siamo entrati nello studio del metodo per eleggere il Consiglio degli Anziani, la carica più importante dell'istituzione ed abbiamo letto il loro giuramento d'insediamento appena eletti, le conseguenze in caso di rifiuto, le pene per le offese loro arrecate e alcuni loro compiti. Continuiamo: «Siano ancora tenuti detti Anziani far sindicare e modulare* il Commissario, Anziani et altri offitiali della Communità in mediate (non appena, nda) finiti l'offitji loro. Duri l'offitio  delli Padri Anziani mesi tre et habbi  ciascun per suo salario lire Nove per uno, da darseli data la sententia absolutoria di lor sindicato (cioè a verifica positiva, nda). Siano tenuti ancora tenere nella Chiesa di Rio una bona Cassa o Cassone di Noce forte con tre chiavi a Croce, una delle quali habbi a tenere il Commissario, un'altra il Capo dell'Anziani e l'altra il Piovano, ne si possa mai aprire senza la presentia di tutti tré, salvo sempre giusto impedimento; nel qual Cassone vi si debbano tenere tutti li libri de Commissarji et altre scritture che lasseranno al fine del loro offitio, e quelle del Comune, facendone sempre inventario, che li riceveranno; et ogni volta che  entreranno i novi Anziani, ne debbino fare inventario; et mancandovi cosa alcuna sieno tenuti subito darne aviso al nostro signore Illustrissimo o suo luogotenente, sotto pena a chi mancherà o trasgredirà dalle sopradette cose e (per) ciascuna di esse di scudi venticinque d'oro fra tutti gl'Anziani e di piu d'essere privi tutti subito dell'offitio del'Anzianato et il Commissario sia tenuto subito Farne executione, sotto pena a lui d'altre  tanto, applicate come di sopra (cioè devolute alla Camera Fiscale della Comunità, nda)». Umberto Canovaro

ELBA SPIAGGE APPARECCHIATE, UN MALCOSTUME CHE PERSISTE

ilVicinato@ - «Continuano ad arrivare segnalazioni sulle spiagge apparecchiate, anche se la Guardia costiera non ha abbassato l'attenzione su questa che è una delle peggiori abitudini estive, riscontrate sulle spiagge elbane, ma non solo. I furbetti dell'ombrellone e della sdraio, ma anche del solo asciugamano fermato con i sassi,  continuano a accaparrarsi sin dalla sera prima i posti migliori, quelli in prima linea, davanti alla battigia. Lo fanno anche se sono consapevoli che la Guardia costiera vigila attentamente, sequestra le attrezzature e eleva sanzioni salate». Foto scattata prima delle sette del mattino sulla spiaggia di Morcone (Capoliveri) e pubblicata oggi sul giornale quinewselba.it

RIO NELL’ELBA, DE SANTI CONVOCA IL CONSIGLIO COMUNALE MA LA MINORANZA LO CONTESTA PERCHÉ NON HA SCRITTO ALL’ODG L'INTERPELLANZA DEL 10 AGOSTO SULLE VARIAZIONI DI BILANCIO

ilVicinato@ - I consiglieri comunali Pino Coluccia, Nadia Mazzei e Bruno Chiassoni scrivono al Sindaco di Rio nell'Elba: «I sottoscritti consiglieri ritengono lesivo del loro diritto di minoranza di interpellarla, dal momento che ci aspettavamo, che nel "primo Consiglio Comunale utile", quale quello appunto convocato per mercoledì 23 agosto prossimo, come del resto prevede il Regolamento comunale, lei portasse all'ordine del giorno l'interpellanza del 10 agosto, relativa alle motivazioni ed ai contenuti delle variazioni di bilancio approvate dalla Giunta e riguardanti importanti poste e scelte sulle quali gli abbiamo manifestato perplessità e contraddizioni. Tanto più che all'ordine del giorno ci sono pochi punti da discutere».

ELBA, A.S.A. GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO: “Mancano, tra produzione e richiesta, 30-35 litri al secondo, pari a circa 3.000 metri cubi di acqua al giorno. Ogni utente dovrebbe ridurre di circa 20 litri al giorno il consumo d’acqua”

Clicca sull'Immagine per Ingrandirla
ilVicinato@ - «Il 2016 è stato un anno caratterizzato da scarsissime piogge e, nel 2017, l’indice di piovosità ha registrato un valore addirittura inferiore all’anno precedente. Le scarse precipitazioni, a fronte di un consumo costante e in alcuni casi persino superiore alla media, provocano l’abbassamento delle falde acquifere e del volume di acqua captabile dalle sorgenti senza permettere alle stesse un’adeguata ricarica. Le falde e le sorgenti dell’Elba, che alimentano l’acquedotto nel periodo estivo con 130 litri al secondo, producono oggi, rispetto allo stesso giorno del 2016, ben 35 litri al secondo in meno, con una diminuzione del 30%. La condotta sottomarina, nel 2017, ha trasportato dal continente la stessa quantità di acqua del 2016, alimentando l’Isola d’Elba nel periodo invernale. Questo ha consentito all’Azienda di far ricaricare totalmente i pozzi locali, limitando del 12,5% la perdita di portata. Attualmente mancano, tra produzione e richiesta, 30-35 litri al secondo, pari a circa 3.000 metri cubi di acqua al giorno. Si tratta del quantitativo necessario a soddisfare il fabbisogno idrico di circa 30.000 persone. Per compensare questo volume mancante sarebbe necessario che ogni utente riducesse di circa 20 litri il consumo di acqua quotidiano. Dato che ciò non può avvenire spontaneamente, è necessario razionare l’acqua a monte per evitare che il sistema, svuotandosi, diventi ingestibile».

CAVO, FIAMME IN UN GARAGE. ANDATA COMPLETAMENTE DISTRUTTA UNA FIAT CINQUECENTO ANNI “60

ilVicinato@ -  «Un garage, posto fra due abitazioni, è andato a fuoco questa mattina, intorno alle cinque, in via De Gasperi a Cavo. Nel locale c’era una Fiat Cinquecento, modello anni “60, che è andata completamente distrutta. Sul posto sono intervenuti i volontari AIB del gruppo cavese che hanno domato le fiamme. Così, quando da Portoferraio sono giunti  i Vigili del Fuoco, l'incendio era praticamente domato. Le cause che hanno generato la combustione sono al vaglio degli inquirenti».

21 agosto 2017

L’ISOLA D’ELBA È ANCHE QUESTA:

Rio Marina: "La Spiaggetta del Sasso"
 Foto di  Rosalia Mellini
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA

RIO MARINA, UBRIACA LEI E UBRIACO LUI: “Inveiscono contro la barista che gli nega da bere. Colpiscono il nonno intervenuto in difesa della nipote e feriscono un carabiniere”

ilVicinato@ - «Qualche giorno addietro una coppia (39enne lei, 27enne lui) è entrata in un bar di Rio Marina e, benché palesemente ubriachi, i due hanno chiesto ancora da bere. Al rifiuto della barista hanno cominciato ad inveire, sempre più pesantemente, sia contro la ragazza sia verso i clienti del locale. Quando il nonno della barista è intervenuto in difesa della nipote, è stato colpito con un manico di scopa. Poi i due hanno lanciato dei vasi di fiori. Sul posto è giunta prontamente una pattuglia dei carabinieri che è riuscita a bloccare i due ubriachi, un carabiniere però  ha riportato lievi lesioni. I due ubriachi sono stati immobilizzati e portati nella stazione carabinieri di Rio Marina dove, dopo le formalità di rito, sono stati dichiarati in arresto. L’indomani i magistrati hanno convalidato l'arresto disponendo la traduzione della detenuta nel carcere femminile di Pisa, mentre l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari. La coppia dovrà rispondere dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato del bar, lesioni a danno di alcuni avventori del bar e porto di oggetti atti ad offendere, l'uomo portava in tasca dei pantaloni  un cutter che però non è riuscito a tirar fuori».

PROCCHIO, QUESTA SERA I GIARDINI SARANNO INTITOLATI AL GIORNALISTA GASPARE BARBIELLINI AMIDEI

 ilVicinato@ - «Questa sera, lunedì 21 agosto, alle 21.30 i giardini di Procchio saranno intitolati al giornalista Gaspare Barbiellini Amidei. Alla cerimonia, oltre alla famiglia Barbiellini, saranno presenti il Sindaco di Marciana, Anna Bulgaresi, e l’ex sindaco di Marciana Marina, Pasquale Berti. A seguire, lo show di Antonio Ornano e il suo Crostatina stand up».

RIO NELL'ELBA, LA MINORANZA CHIEDE AL SINDACO LA CONVOCAZIONE IMMEDIATA DEL CONSIGLIO COMUNALE: “È necessario rilevare l'esistenza o meno dei debiti fuori bilancio”

ilVicinato@ - Fonte notizia Elbareport.it - I sottoscritti consiglieri comunali Pino Coluccia, Nadia Mazzei e Bruno Chiassoni: «Premesso che per legge, l'organo consiliare è tenuto entro il 31 luglio di ogni anno a deliberare la variazione di assestamento generale, con la quale viene attuata la verifica puntuale e sistematica di tutte le voci di entrata e di uscita, compreso il fondo di riserva e di cassa, al fine di assicurare mantenimento del pareggio di Bilancio (…) Considerato che non risulta ancora che l'adempimento richiesto e obbligatorio per legge, sia stato assolto (…) Che è inoltre necessario rilevare l'esistenza o l'inesistenza dei debiti fuori Bilancio e ove necessario procedere entro tale data al loro riconoscimento e ripiano (…) Chiedono al Sindaco la convocazione immediata di un Consiglio Comunale urgente, per portare all'approvazione gli atti previsti per legge, o in subordine almeno una informativa generale ed una comunicazione del Commissario ad acta». L’interpellanza, indirizzata al Sindaco di Rio nell'Elba, è stata inviata per conoscenza al Prefetto di Livorno e al Commissario ad acta per l'area finanziaria. 

PORTOFERRAIO, IL SINDACO SCRIVE A ASA: “Appare opportuno interrompere l'attuale sistema di razionalizzazione. Incontriamoci”

ilVicinato@ - Mario Ferrari, sindaco di Portoferraio, scrive a ASA (gestore del servizio idrico): «Ci sono zone di Portoferraio che ormai da 24 ore sono prive di acqua, fatto che non si verificava da oltre 30 anni (…) Anche nel momento della fornitura a pressione ridotta, come riferito dai vostri operatori, gran parte dell'acqua va a rifornire i depositi posti sotto il piano di campagna, rendendo così impossibile l'erogazione ad altre utenze con prese poste a quote superiori con una piezometrica inferiore (…) Ad aggravare il quadro l'immagine presentata su vari social network di acqua che sgorga dai rubinetti palesemente sporca e praticamente inutilizzabile per qualsiasi scopo anche si sostiene che ha le caratteristiche di potabilità (…) Appare opportuno che ASA interrompa l'attuale sistema di razionalizzazione così concepito, e che venga convocato, in tempi brevissimi, un incontro finalizzato a valutare nuove strategie di razionamento (…)».

RIO NELL'ELBA, L’EX SINDACO ALESSI: “De Santi vuole ritirare la squadra. Pensava che amministrare un piccolo Comune fosse la medesima cosa che gestire una piccola azienda. Si è clamorosamente sbagliato!”

ilVicinato@ - Fonte notizia Elbareport.it – L’ex sindaco di Rio nell’Elba, Danilo Alessi, e i consiglieri della maggioranza che lo sosteneva, ritengono che il sindaco De Santi: «non sia poi tanto sbadato o smemorato, ma piuttosto furbescamente intenzionato a "ritirare la squadra", a lasciare "il campo" su cui era baldanzosamente disceso, addossando alle passate Amministrazioni una inesistente responsabilità di aver messo il Comune in una condizione di pesante difficoltà finanziaria e quindi di avergli impedito di fare per bene il Sindaco. Le cose stanno diversamente. In realtà il Nostro pensava che amministrare un piccolo Comune fosse la medesima cosa che gestire una piccola azienda. Si è clamorosamente sbagliato! Molte sono le ragioni per le quali la gente di Rio debba liberarsi dalla inconsistente e rancorosa presenza di questo inutile sindaco, ma non certo quella relativa alla situazione finanziaria di un Comune che può e deve essere governato nell'interesse del paese e dei cittadini (…)».

MARINA DI CAMPO, LA CARICA DELLE 97+4=101 TARTRUGHE… O FORSE DELLE 103: “Auguri a Mamma Federica”

ilVicinato@ - «L'operazione che per oltre una settimana ha tenuto impegnati addetti ai lavori e volontari, si è chiusa con un inatteso finale a sorpresa: Nel nido di Mamma Federica hanno fatto capolino tre tartarughine, e più in profondità ne è spuntata un'altra, anch’essa viva e vegeta che come le altre sorelle, ha raggiunto il mare. La loro uscita è stata facilitata dalla rimozione dei gusci delle uova schiuse. Nel nido c'erano anche dodici uova non schiuse e una con un embrione non nato, quindi le uova deposte da Mamma Tartaruga sono centosedici. A giudizio degli esperti però, se le uova schiuse erano centotre, allora due piccoli tartarughe dovrebbero essere sfuggite alla prima conta, portando il numero dei nati a centotre. Tuttavia, anche quota centouno è un vero e proprio record per i nidi di Caretta caretta schiusi in Toscana, dove nelle due precedenti deposizioni conosciute, si era arrivati a settanta uova».

20 agosto 2017

L’ISOLA D’ELBA È ANCHE QUESTA:

Rio Marina: "La Spiaggia del Porticciolo"
 Foto di  Gisella Verdura
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA

IL VANGELO CI PARLA: “Anche ridendo, il cuore può essere triste. E l’allegrezza può finire in dolore… Proverbi 14,13”

ilvicinato@ - Fonte Unione delle Chiese metodiste e valdesi - «La prima parte del proverbio esprime un’esperienza abbastanza diffusa: c’è una differenza fra ciò che facciamo vedere agli altri e ciò che proviamo nei nostri cuori (…) La seconda parte del proverbio potrebbe essere espressione di sobrietà, un atteggiamento descritto anche dall’Ecclesiaste: “Per tutto vi è il suo tempo; vi è il suo momento per ogni cosa sotto il cielo, un tempo per ridere e un tempo per piangere”. Sarebbe invece un atteggiamento pessimista o perfino catastrofista se non ci godessimo il bene di oggi, meditando sempre su ciò che potrebbe accadere di male nel domani. La letteratura sapienziale ci incoraggia: “Dio ha fatto ogni cosa bella al suo tempo. Ho riconosciuto che non vi è nulla di meglio per loro del rallegrarsi e del procurasi del benessere durante la loro vita, e che se uno mangia, beve e gode del benessere in mezzo a tutto il suo lavoro, è un dono di Dio”. La letteratura sapienziale ci invita a goderci i momenti sereni ed allegri perché anch’essi sono creati da Dio. Siamo invitati a goderci la vita senza anticipare tutte le catastrofi possibili nella nostra fantasia». Alcuni stralci di una riflessione di Hiltrud Stahlberger, Pastore evangelico

19 agosto 2017

L’ISOLA D’ELBA È ANCHE QUESTA:

Rio Marina: "Affaccio sul Canale"
 Foto di  Pierluigi Carletti
CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA

CARO SINDACO, A PISCIARE FUORIBORDO SI RISCHIA DI BAGNARSI

ilVicinato@ - Questo è quanto dichiarato da Claudio De Santi al giornale Tenews, e non solo: «Qualcuno dovrà finalmente prendere atto che avevo ragione nel voler avviare le verifiche che sono state fatte, ora stiamo facendo le valutazioni finanziarie per capire se resta qualche spiraglio di soluzione. Ma la situazione è veramente compromessa. Se non c'è soluzione finanziaria sicuramente il gruppo di maggioranza tirerà le sue conclusioni. D'altro canto ci sarà a breve una possibilità di uscita con la riunificazione. La ricostituzione di spese verso l'ente stesso non è un debito verso terzi per cui anche Rio Marina potrà accettare di buon grado solidaristicamente una riunificazione».

RIO NELL'ELBA, LA STIZZITA REAZIONE DEL SINDACO DE SANTI AL POST DI ARTEMISIO: “Ancora una volta un vergognoso articolo (…) Vergognoso come al solito, perché dice cose false”

ilVicinato@ - Fonte notizia bacheca Fb - «Leggo ancora una volta un vergognoso articolo "sul vicinato" (quello di Artemisio Tonietti, ndr). Vergognoso come al solito, perché dice cose false: la prima si augura che abbia ragione Coluccia e non de Santi. Io, come sindaco ho inviato, unico documento, nei tempi utili avendo chiesto più tempo (concesso) il documento fornitomi dall'allora responsabile di area. Documento che è stato preso in considerazione dalla Corte dei conti! (come scritto nella pronuncia se si legge!!!). Avrebbe dovuto augurarsi che abbia ragione Coluccia e non la Corte dei conti! La seconda fa finta di non capire cosa vuol dire ricostituzione. Non ho ambizioni di ricandidarmi come sindaco, non ho altra aspirazione politica elbana... alla fin fine mi dico: chi me la fa fare di ammazzarmi per far capire le cose? Restino pure nella loro ignoranza e falsità. La politica elbana vuole "naviganti", le persone vere sono messe al bando. Io sono disponibile a navigare ma con la mia barca!». Claudio de Santi

CAVO, SPIAGGIA DI FRUGOSO: “Flash mob contro la realizzazione di un campo boe e di un corridoio di lancio”

ilVicinato@ - «Flash mob sulla spiaggia di Frugoso a Cavo per protestare contro la realizzazione di un campo boe e di un corridoio di lancio all'interno della zona di balneazione limitando fortemente la stessa. Il divieto di balneazione è già stato indicato con un cartello nel corridoio di lancio, mentre niente è evidenziato al momento per l'area d'ormeggio dove i bagnanti continuano liberamente a nuotare fra i gavitelli. L'area sottostante il Campo Boe è costituita da una meravigliosa prateria di posedonia».

PORTOFERRAIO, LA SPIAGGIA DELLE GHIAIE APPARECCHIATA

ilVicinato@ - Fonte notizia quinewselba.it - «Anche dopo ferragosto continua il malcostume delle spiagge apparecchiate sugli arenili elbani, nonostante i controlli e le multe della Capitaneria di Porto. Il fenomeno “spiaggia apparecchiata" continua anche dopo ferragosto, nonostante le raccomandazioni e le sanzioni della Capitaneria di Porto. Non resta che continuare a dare evidenza alle segnalazioni che arriveranno sicuramente anche a chi di dovere».

PORTO AZZURRO, IL FORNO PAN DEL FORTE DI SAN GIACOMO DELLA CASA DI RECLUSIONE: "Dopo il pane senza glutine per celiaci, ora anche i cantuccini”

ilVicinato@ - «Nella casa di reclusione di Porto Azzurro, dopo la produzione di pane fresco e  senza glutine,  c’è ora un’altra novità:  i cantucci alle mandorle senza glutine. Si vendono nei supermercati elbani a marchio Conad. Una iniziativa, quella de Il forno di San Giacomo "Pan del Forte", portata avanti dalla  Cooperativa Sociale "Il Forte Elbano" con finalità non solo commerciali, ma dedicate alla riabilitazione e all'inserimento  lavorativo dei detenuti».